A cura di Nanni Balestrini, Franco Berardi Bifo e Sergio Bianchi

Dedicato al Sessantotto, in occasione del suo cinquantesimo anniversario, intende fornire una panoramica dei grandi movimenti di massa nati in Italia e in tutto il mondo che contribuirono a cambiare irreversibilmente, sul piano sociale e culturale, la storia contemporanea.


Qui si racconta l’attuale divenire del mondo secondo
la metafora dell’apocalisse.
La brutalità si è impadronita delle relazioni umane
e il nazional-socialismo riemerge come forza egemonica all’orizzonte del secolo. Eppure…


La serie di eventi sismici che a partire dal 24 agosto 2016 ha colpito l’Appennino centrale ha comportato uno dei disastri socio-naturali più significativi della storia recente d’Italia. Alla grave sequenza di scosse ha fatto seguito un’emergenza caotica tra risposte istituzionali equivoche, solidarietà dal basso, popolazioni trasferite a decine di chilometri e macerie immobili nel tempo.


Spinoza

Spinoza
€21,25
€25,00

«Spinoza è l’anomalia. Se Spinoza, ateo e maledetto, non finisce le sue giornate in galera o sul rogo, a differenza di altri innovatori rivoluzionari fra il Cinquecento e il Seicento, ciò è solo indicativo del fatto che la sua metafisica rappresenta la polarità effettiva di un rapporto di forza antagonistico, già consolidato: nell’Olanda del Seicento lo sviluppo dei rapporti di produzione e delle forza produttive conosce la tendenza di un avvenire di antagonismo. […]

Il sogno di una cosa

«È probabile che ci si debba finalmente rassegnare al fatto che “non possiamo non dirci marxisti”»

LE PROSSIME USCITE

I racconti del dottor Pinkus di Primo Moroni

Introduzione

Nella primavera 1996 all’interno del circuito della rivista DeriveApprodi, che aveva all’attivo già 10 numeri, si aprì una discussione sull’opportunità di affrontare nel n. 11, in collaborazione con la la rivista di immaginario erotico «Blue» diretta da Francesco Coniglio, il tema della sessualità. Apriti cielo. Coloro che avevano dato vita nel ’90 a «Luogo Comune», e che erano confluiti nell’ambito redazionale di «DeriveApprodi » solo dall’ultimo numero pubblicato, il 9/10, fuoriuscirono tutti (tranne uno, Lanfranco Caminiti) ritenendo la questione del tutto demenziale e dequalificante, accusandomi in sovrappiù di essere stato nei loro confronti uno sfrontato impostore e ingannatore.
Nonostante quella emorragia di parte considerevole dei migliori cervelli del pensiero critico sulla piazza si tirò innanzi, e nell’impresa si coinvolsero molte persone e realtà collettive, tra le quali Franco Berardi Bifo, Tiziana Villani, la new entry Ilaria Bussoni, Luther Blisset, il Professor Bad Trip, Sandrone Dazieri, Nanni Balestrini, Rossana Campo, Pierre Della Vigna ecc.
Devo ammettere che nonostante dimostrassi a me stesso e agli altri fermezza e determinazione la questione mi tormentava non poco e così mi parve indispensabile andare a trovare Primo Moroni nella sua Calusca per chiedergli consiglio. Ovviamente era già al corrente di tutto e invece di rispondere alle mie perplessità e timori con una qualche argomentazione pro o contro si limitò per tutto il tempo a ghignarmi in faccia davvero divertito. Quella sua reazione mi convinse che in fondo non stavo facendo nulla di vergognosamente controrivoluzionario. Ripensandoci a oltre vent’anni di distanza quell’iniziativa che allora aveva suscitato tanta contrarietà si era rivelata col tempo una giusta premonizione. La «seconda rivoluzione sessuale» – così era il titolo della pubblicazione – covava per esempio nello strutturarsi di quella rete telematica interconnettiva che ha poi determinato la pervasività di una pornografia de-erotizzante. Ma non è ora qui il caso di aprire questo tipo di discussione.
In chiusura del numero rividi Primo che dopo aver rovistato pazientemente tra le pile delle sue carte mi porse una cartellina contenente una ventina di fogli. «Tieni», mi disse, «forse possono andare bene per il numero che stai facendo. Sono racconti a sfondo sadomaso e alcune poesie che ho scritto per una rivista erotica tedesca che, tra l’altro, me li ha pagati benissimo. Sono ambientati nella Parigi esistenzialista degli anni ’60.
Mi sono divertito molto a scriverli». Primo era anche questo. Purtroppo per mancanza di tempo utile non riuscii a inserirli nella pubblicazione ormai avviata alla tipografia.
Ma li ho conservati, e per la vostra felicità, eccoli qua.

SB

Continua a leggere...

MEDIA


AGENDA

L’ho sempre saputo @Val di Susa

27 luglio ore 14.30

Presentazione del libro con l’introduzione di Silvia Bernardinis e l’autrice Barbara Balzerani

Venaus, Festival dell’alta Felicità, NO TAV

Bee Happy @Red Feltrinelli Roma

Mercoledì 11 giugno ore 18.30

Presentazione del libro con l’autrice Barbara Bonomi Romagnoli e Beatrice Monacelli

Red Feltrinelli, Via Tomacelli 23, Roma

Sul fronte del sisma @Ripe San Ginesio (MC)

8 luglio

Presentazione del libro all’interno del festival Borgo Futuro

Vedi tutto...