Ogni giorno dei luoghi scompaiono. Angoli di mondo, creati dall’uomo o dalla natura, impregnati di un senso che percepiamo senza riuscire a catturarlo, muniti di un carattere, quasi dotati di voce, scompaiono. Secondo i Romani, ogni spazio era abitato da una divinità minore e il massimo pericolo stava nell’abitare luoghi privi di spirito, dunque di senso. Oggi i luoghi sono rari: banalizzati, convertiti in spazi funzionali, privi di affetti.


A cura di Nanni Balestrini, Franco Berardi Bifo e Sergio Bianchi

Dedicato al Sessantotto, in occasione del suo cinquantesimo anniversario, intende fornire una panoramica dei grandi movimenti di massa nati in Italia e in tutto il mondo che contribuirono a cambiare irreversibilmente, sul piano sociale e culturale, la storia contemporanea.


Qui si racconta l’attuale divenire del mondo secondo
la metafora dell’apocalisse.
La brutalità si è impadronita delle relazioni umane
e il nazional-socialismo riemerge come forza egemonica all’orizzonte del secolo. Eppure…


Spinoza

Spinoza
€21,25
€25,00

«Spinoza è l’anomalia. Se Spinoza, ateo e maledetto, non finisce le sue giornate in galera o sul rogo, a differenza di altri innovatori rivoluzionari fra il Cinquecento e il Seicento, ciò è solo indicativo del fatto che la sua metafisica rappresenta la polarità effettiva di un rapporto di forza antagonistico, già consolidato: nell’Olanda del Seicento lo sviluppo dei rapporti di produzione e delle forza produttive conosce la tendenza di un avvenire di antagonismo. […]

Potere operaio. La storia. La teoria

Due proposte di preacquisto. Il libro su Potere operaio e la litografia di Nanni Balestrini

LE PROSSIME USCITE

Noi chi?

DeriveApprodi accompagnerà la campagna elettorale europea con una lettera settimanale firmata da uno dei nostri collaboratori o da persone la cui opinione ci sembra interessante per i nostri lettori.

Come nostra abitudine eviteremo la retorica e descriveremo il futuro che ci pare scritto nella realtà come inevitabile. Ma non dimentichiamo le parole di Keynes: generalmente l’inevitabile non si verifica, perché sempre quel che prevale è l’imprevedibile.

Ecco quello che fummo siamo e saremo: l’imprevisto.
F.B.

Noi chi?
Oltre l’Unione europea, per un programma egualitario europeista

Franco Berardi Bifo

All’inizio degli anni ’90 l’Unione europea, nata nel dopoguerra dalla buona intenzione di superare il nazionalismo portatore di tragedie, venne investita dall’onda neoliberista e nell’arco di un decennio venne trasformata in una macchina di sottomissione della società al capitale finanziario.
Il ceto politico liberal-democratico, e particolarmente la “sinistra”, da Blair a Schroeder a d’Alema a Renzi a Hollande a Macron, perseguì sistematicamente una politica di privatizzazione, dimezzamento del salario e precarizzazione del lavoro, impoverì la società europea e riducendola alla disperazione.
Dopo il collasso finanziario del 2008 la rapina si fece frenetica, sistematica e violenta. L’umiliazione, cui nell’estate 2015 fu sottoposta esemplarmente la società greca, portò a compimento il processo di asservimento dell’Unione al ceto della finanza.
Il dominio finanziario cui la sinistra ha offerto il supporto politico, ha implicato distruzione di ricchezza, impoverimento della società e devastazione delle infrastrutture che rendono la vita sociale possibile. Cominciamo oggi a vedere gli effetti di lungo periodo dell’azione che i liberal-democratici europeisti hanno scatenato: i ponti crollano, i treni deragliano, gli ospedali ammazzano e così via, mentre i giovani sono costretti a emigrare e accettare condizioni di sfruttamento assoluto e umiliante. L’umiliazione è il tratto decisivo dell’offensiva liberal-democratica. Chi è umiliato vuole vendetta, e la vendetta non conosce ragione.
Questa umiliazione ha generato l’ascesa del nazional-sovranismo su scala continentale. Il popolo, astrazione romantica che prende il posto della società quando la società perde il bene dell’intelletto, trova nel sovranismo la sua strategia, che è soltanto un’illusione patetica.

Continua a leggere...

MEDIA


AGENDA

L’ho sempre saputo @Pisa

Sabato 29 settembre
ore 21.00

Presentazione del libro con l’autrice Barbara Balzerani

Circolo Arci Alhambra, Via Fermi 27, Pisa

Preghiamo anche per i perfidi giudei @Milano

Martedì 25 settembre
ore 18.00

Presentazione del libro.
Dialogano con l’autore Moni Ovadia e Laura Novati.

Libreria Claudiana, Via Francesco Sforza 12/a, Milano

L’ho sempre saputo @San Stino di Livenza

17 settembre ore 18.00

Presentazione del libro con l’autrice Barbara Balzerani

Vedi tutto...