Mescolando il riso alle lacrime. In onore e memoria di Primo Moroni

Per il ventennale della scomparsa di Primo Moroni – e in concomitanza con l’inaugurazione del nuovo sito di DeriveApprodi – pubblicheremo, a partire da lunedì 25 giugno, una raccolta di testi in suo ricordo con la cadenza di due-tre la settimana.

Per chi nulla o poco sapesse di lui rimandiamo alla biografia: Primo e Sabina della libreria “Calusca” di Milano, in Emina Cevro-Vukovic, Vivere a sinistra. Vita quotidiana e impegno politico nell’Italia degli anni ’70. Un’inchiesta, Arcana editrice, Milano 1976 e all’autobiografia: Da “Don Lisander” alla “Calusca”. Autobiografia di Primo Moroni, a cura di Cesare Bermani, Milano 1983. Entrambi questi testi sono reperibili in rete.

Il nostro omaggio si aprirà con un poema dedicato a Primo che Nanni Balestrini ha scritto per l’occasione.

Seguiranno:

  • la ripubblicazione di Mescolando il riso alle lacrime, scritto da Sergio Bianchi subito dopo la morte di Primo
  • un inedito dedicato a Primo di Franco Berardi Bifo: L’angelo della stampa impossibile
  • uno stralcio del libro di recente pubblicazione di Umberto Lucarelli: Vicolo Calusca
  • l’editoriale a firma Cesare Bermani, Sergio Bologna, Bruno Cartosio del numero speciale della rivista «Primo Maggio» dedicato a Primo e pubblicato nello scorso marzo 2018

Verrà poi riproposto:

  • il testo che Primo scrisse nel 1992 in occasione della fondazione del progetto della rivista «DeriveApprodi»: È possibile pensare che un lungo periodo di distruzione delle intelligenze collettive cominci a volgere al termine e che nelle metropoli stia emergendo una nuova percezione del presente
  • Il testo di Primo L’avventura della transizione, pubblicato sul numero 0 della rivista «DeriveApprodi» nell’anno 1992

Sarà poi la volta di una serie di testi inediti di Primo. Due sono stati scritti quasi trent’anni fa: un soggetto e un trattamento per una fiction, mai realizzata, sull’omicidio del giornalista del «Corriere della Sera» Walter Tobagi; gli altri costituiscono una raccolta di racconti e poesie erotiche ambientate nella Parigi «esistenzialista» degli anni ’60.

Chiuderà la raccolta una intervista inedita a Nanni Balestrini e Sergio Bianchi realizzata nel 2008 dai curatori della traduzione francese del saggio L’orda d’oro, di cui Primo è stato coautore.

Ci auguriamo che nel corso di queste pubblicazioni emergano altri testi che andrebbero a valorizzare questa raccolta.