Simonetta Lorigliola

Simonetta Lorigliola, studi filosofici, è giornalista e vive e lavora a Trieste. Con Luigi Veronelli ha collaborato alla Guida Ristoranti e a «EV. Vini cibi intelligenze», oggi collabora con il Seminario Veronelli. Ha lavorato nel fair trade, in ambito comunicazione. È stata tra i promotori del movimento per una nuova contadinità t/Terra e libertà/critical wine. Dirige il mensile «Konrad». Da quando ha scritto questo libro ha un nuovo metabolismo della parola.

Luigi Cinque

Luigi Cinque, compositore strumentista regista. È ritenuto dalla critica internazionale uno dei musicisti più originali del panorama europeo, inventore di una musica transgenica tra etnica, jazz e contemporanea. La sua formazione live è l’Hypertext O’rchestra. Miglior disco europeo di worldmusic con Tangerine Cafè (2005). Suo Transeuropæ Hotel, film cult premiato nei migliori Festival del mondo.

Antonello Sotgia

Antonello Sotgia è architetto e urbanista, ha redatto numerosi progetti e interventi di recupero edilizio, non solo a Roma, con R. Marchini. Impegnato nei programmi di cooperazione universitaria in Angola, ha analizzato la costruzione della città post-coloniale in saggi e libri. Ha insegnato in numerose università italiane. Oltre che scrivere di Roma su riviste e giornali ha curato La gestione territoriale (Laterza), Stop al consumo di territorio (Carta). Nel libro collettivo San Lorenzo luoghi, storie e memorie (Ponte Sisto), ha analizzato le trasformazioni sociali e spaziali di quel quartiere romano. Con R. Marchini ha seguito diverse inchieste per trasmissioni della Rai: «Presa Diretta», «Speciale TG1» sul tema dell’abitare a Roma.

Rossella Marchini

Rossella Marchini è architetto. Scrive sui temi della trasformazione della città e sul diritto all’abitare su «il manifesto» e «alfabeta2». Suoi saggi specifici su Roma compaiono in Lezioni di Piano (Intramoenia), libro dedicato alla vicenda del Piano regolatore di Roma, e sempre per la stessa casa editrice Calendario della fine del mondo dove ha ipotizzato il destino della città contemporanea.

Claire Fontaine

Claire Fontaine è un’artista collettiva creata nel 2004. Dopo essersi inspirata a una nota marca di quaderni scolastici francesi per scegliere il suo nome, Claire Fontaine si è autodichiarata «artista ready-made» e ha iniziato a elaborare una versione di arte neoconcettuale che talvolta ricorda le opere di altri artisti. Lavora con neon, video, scultura, pittura e testo, la sua pratica può essere descritta come una continua interrogazione sull’impotenza politica e la crisi della singolarità che definiscono la società contemporanea.

Benedetto Saraceno

Benedetto Saraceno è psichiatra ed esperto di sanità pubblica. Ha lavorato a Trieste con Franco Basaglia e Franco Rotelli. Dal 1999 al 2010 è stato il direttore del Dipartimento di salute mentale e abuso di sostanze della Organizzazione mondiale della salute (Oms) e dal 2008 ha diretto il Dipartimento di malattie non trasmissibili. Attualmente è professore ordinario di Global Health alla Università di Lisbona. Durante la sua permanenza alla Oms, ha pubblicato lo storico Rapporto mondiale sulla salute mentale e ha sviluppato politiche di salute mentale e promozione dei diritti umani in paesi dell’Africa, delle Americhe, del Medio Oriente, del Sud Est Asiatico e dell’Estremo Oriente. Saraceno ha pubblicato più di duecento articoli su riviste scientifiche internazionali e alcuni libri fra cui Discorso Globale – Sofferenze Locali (Il Saggiatore 2014).

Franco Zagari

Franco Zagari, architetto, paesaggista, vive e opera a Roma. Già professore ordinario di Architettura del paesaggio presso l’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, dal 2012 insegna presso La “Sapienza” Università di Roma. È autore di saggi, film e numerosi progetti di architettura e paesaggio, tra i quali Hortus – 27.000 mq di giardini per il riposo dei visitatori dell’Expo Milano 2015 – e la piazza della Puerta del Sol a Madrid.

Marco Mazzeo

Marco Mazzeo, filosofo, insegna filosofia del linguaggio all’università della Calabria. È stato tra i fondatori della rivista «Forme di vita» (DeriveApprodi), collabora alle pagine culturali del quotidiano «il manifesto». Il suo ultimo libro: Il bambino e l’operaio. Wittgenstein filosofo dell’uso (Quodlibet, 2016).

Michael Taussig

Michal Taussig, medico di formazione, oggi docente di antropologia presso la Columbia University, si è affermato nel mondo anglosassone grazie a un lavoro sul campo che lo ha portato a occuparsi di sciamanesimo, culto del diavolo e Stato magico. In italiano è disponibile il volume Cocaina. Per un’antropologia della polvere bianca (Bruno Mondadori, 2007).

Gian Maria Tosatti

Gian Maria Tosatti, artista visivo e intellettuale italiano, porta avanti un lavoro incentrato sullo studio dell’identità dell’uomo articolato principalmente nella costruzione di grandi installazioni ambientali, le cui dimensioni possono coincidere con quelle di intere città, come accaduto a Napoli fra il 2013 e il 2016 col progetto Sette Stagioni dello Spirito. È stato giornalista presso il quotidiano «Il Tempo» e direttore della rivista «La differenza». È tutt’ora editorialista di magazine culturali.

Massimo La Torre

Massimo La Torre dal 2000 insegna all’Università di Catanzaro. È stato ricercatore e professore associato dell’Università di Bologna e ricercatore e professore dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze. È stato altresì visiting professor di varie università europee e americane. Nel 2009 gli è stato attribuito il Premio di Ricerca della Fondazione Alexander Von Humboldt. Tra le sue pubblicazioni Cittadinanza e ordine politico (2004) e La crisi del Novecento (2006).

Marco Bersani

Fondatore di Attac Italia, è stato fra i promotori del Forum italiano dei Movimenti per l’Acqua e della Campagna «Stop TTIP Italia», è inoltre socio fondatore di Cadtm Italia. Tra le sue pubblicazioni: Nucleare: se lo conosci lo eviti (2009); CatasTroika – le privatizzazioni che hanno ucciso la società (2013).

Elisa Santalena

Elisa Santalena insegna presso l’Université Grenoble-Alpes, dove collabora con il Laboratoire Universitaire Histoire Cultures Italie Europe. I suoi articoli e saggi vertono sugli anni della rivolta italiani, la questione carceraria, i movimenti armati e di contestazione.

Hervé Brunon

Hervé Brunon, storico del giardino e del paesaggio, è direttore di ricerca al CNRS (Centre André-Chastel). Tra le sue pubblicazioni in lingua francese: Le Jardin contemporain (2011), Le Jardin comme labyrinthe du monde (2008) e Le Jardin, notre double. Sagesse et déraison (a cura di, 1990). Vive e lavora in Francia.

Giovanna Zapperi

Giovanna Zapperi, storica dell’arte e critica, vive e lavora in Francia. Tra le sue numerose pubblicazioni in altre lingue, in italiano figurano: L’artista è una donna (ombre corte 2014) e, con Alessandra Gribaldo, Lo schermo del potere (ombre corte 2012).

Paolo Persichetti

Paolo Persichetti, condannato a 22 anni per appartenenza alle Brigate rosse trascorre 11 anni in esilio a Parigi. Estradato, sconta la pena fino al 2014. Nel 1999 pubblica Il nemico inconfessabile. Nel 2007 pubblica Esilio e Castigo. Dal 2008 scrive per alcuni quotidiani. Attualmente gestisce il blog «Insorgenze.net» che tratta le questioni storiografiche degli anni Settanta.

Luca Chiurchiù

Luca Chiurchiù è dottorando in letteratura italiana contemporanea all’Università di Macerata. È autore di alcuni contributi critici su Wu Ming,  Pier Vittorio Tondelli e Federigo Tozzi.

 

Maurizio De Matteis

Maurizio Dematteis (1969) si è laureato in Scienze politiche presso l’Università di Torino. Giornalista, scrittore e videomaker, si occupa di temi sociali e ambientali e di tematiche legate ai territori alpini. Dal 2009 è direttore responsabile del webmagazine Dislivelli.eu.

Barbara Bonomi Romagnoli

Barbara Romagnoli, giornalista e scrittrice, collabora da free lance con numerose testate scrivendo di ecologia e femminismo. È autrice di Irriverenti e libere. Femminismi nel nuovo millennio (Editori Riuniti 2014) e fa l’apicultrice.

Massimo Venturi Ferriolo

Massimo Venturi Ferriolo, filosofo, già ordinario di Filosofia della storia dell’Università degli Studi di Salerno e di Estetica del Politecnico di Milano, Visiting Professor e conferenziere in varie Università europee e americane, è membro del comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche. Si occupa di estetica del progetto nel processo di paesaggio e nel governo delle trasformazioni dei luoghi, tema sul quale ha pubblicato numerosi libri, articoli e saggi.