Galleria degli autori DeriveApprodi: Barbara Balzerani

Biografia Nasco a Colleferro (Rm) in una famiglia operaia. Nel ’68 mi trasferisco a Roma, frequento il movimento studentesco, milito in Potere Operaio e mi laureo in Filosofia. Lavoro come insegnante in una scuola speciale per bambini disabili e poi come operatrice socio-sanitaria per la loro integrazione scolastica. Partecipo attivamente alla vita politica della sinistra extraparlamentare romana fino al ’75 quando entro a far parte delle Brigate Rosse. Nell‘85 vengo arrestata e nel 2011 riconquisto la piena libertà. Nel frattempo mi laureo in Antropologia.

CONTINUA A LEGGERE...

Dalla precarietà al commonfare. Lettura di Rifare il mondo… del lavoro

Luca Santini (l'autore è presidente del Bin Italia) La pubblicazione da parte dell’editore DeriveApprodi del volume Rifare il mondo… del lavoro (il titolo è una fedele traduzione dell’edizione originale in lingua francese del 2015) consente al lettore italiano di entrare in contatto con alcune esperienze cooperative di rilievo nel contesto belga e francese, e che si sta da qualche tempo tentando di replicare in Italia, fino ad ora con esiti interlocutori ma comunque incoraggianti. Il libro consiste in una lunga e coinvolta intervista a sei mani (gli intervistatori sono Roger Burton, Virginie Cordier e Carmelo Virone) tesa a far emergere il profilo di questa singolare figura di attivista e di creatore di impresa di Sandrino Graceffa, sospesa tra analisi del mondo del lavoro, critica sociale e sincera voglia di attivarsi e sporcarsi le mani nella costruzione di una società più vivibile. Le premesse teoriche e analitiche che muovono l’attività di Graceffa sono semplici, ma molto solide. La prima riguarda la distinzione tra lavoro e impiego, e muove dalla constatazione dell’irriducibilità dell’impegno lavorativo all’attività di impresa; in effetti tanta parte della popolazione economicamente attiva svolge compiti utili per la società (in termini di accudimento di persone bisognose e familiari, impegno volontario nelle associazioni, trasmissione di sapere e competenze, salvaguardia del territorio, eccetera), senza alcuna chiara ricompensa monetaria e senza un riconoscimento in termini di occupazione formale.

CONTINUA A LEGGERE...