Abecedario di Gilles Deleuze

«Un giorno il secolo sarà deleuziano»

Michel Foucault

Abecedario di Gilles Deleuze

Video-intervista in due DVD a cura di Claire Parnet per la regia di Pierre-André Boutang

ESAURITO
€17,00
€20,00
Lista dei desideri

Esaurito da tempo, è tornato disponibile, in un’edizione economica L’abecedario di Gilles Deleuze, film-intervista in 3 DVD, a cura di Claire Parnet e per la regia di Pierre André Boutang. Articolato per concetti, dalla «a» di animale alla «z» di zigzag, tocca voci quali cultura, desiderio, gioia, letteratura, storia. Il risultato sono oltre sette ore di conversazione durante le quali uno dei filosofi più importanti del Novecento ripercorre le tappe della formazione del proprio pensiero, intrecciandole al ricordo di una vita ostinatamente tesa alla filosofia.
In questo lungo racconto Gilles Deleuze non cessa di stupire, passando dalla descrizione di un quadro al ricordo del ’68 francese, dal racconto dell’incontro con un filosofo a quello con un libro, dalla spiegazione del suo amore per il tennis a quella dell’origine di un concetto. Un autoritratto straordinario che è insieme una magnifica testimonianza di pensiero.

Comprende il girato integrale dell’originale francese e un libro che raccoglie per citazioni la biografia e il percorso filosofico di Gilles Deleuze. Versione originale francese con sottotitoli in italiano.
Traduzione dal francese di Ilaria Bussoni, Filippo Del Lucchese, Giorgio Passerone.


ISBN: 978-88-6548-108-0
PAGINE: 453 minuti in 3 DVD
ANNO: 2014
COLLANA: Abecedari
TEMA: Filosofia
Autore

Gilles Deleuze

Gilles Deleuze
Gilles Deleuze è uno dei filosofi più importanti del Novecento. Le sue opere sono tradotte in decine di lingue e pressoché integrale è la sua traduzione in italiano.
RASSEGNA STAMPA

Segnalibro: l'ABeCedario di Gilles Deleuze («Il Corriere della sera»)

Sul «Corriere» la segnalazione di Luca Mastrantonio dell'ABeCedario di Gilles Deleuze – da «Il Corriere della sera», 11 dicembre 2014

Leggi in PDF

C come cultura («Doppiozero»)

Un brano dell'Abecedario di Gilles Deleuze, su «Doppiozero» in occasione del ventennale della morte del grande filosofo.   Vai all'articolo