Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo

I più grandi registi viventi si raccontano in 50 conversazioni

Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo

Premio Limina FilmTv 2014

,

Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo
€21,25
€25,00
Lista dei desideri

Un libro di conversazioni con i maggiori cineasti contemporanei. Più che un libro, un atlante di quanto avviene nell’ambito della produzione cinematografica «d’autore» sul piano mondiale. Dal Giappone agli Stati Uniti, passando per la Cina, il Sud-Est asiatico, l’India, la Russia, l’Europa, l’Africa e il Sud America, un viaggio nelle storie e nelle pratiche del cinema all’alba del XXI secolo, raccontato dai suoi protagonisti più avventurosi, attraverso poetiche e politiche anche molto distanti tra di loro, ma che insieme tracciano i meridiani e i paralleli di quel pianeta dell’immaginario che è il cinema, in un momento di mutazioni epocali.
Un viaggio che parte dai «ricordi del futuro» di grandi maestri del Novecento come Stan Brakhage, Jean-Marie Straub, Otar Iosseliani o Roger Corman, per aprirsi alle derive scatenate dalle nuove prospettive tecnologiche in cui si sono tuffati a corpo libero figure eccentriche come David Lynch, Abel Ferrara, Monte Hellman. I percorsi unici di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Werner Herzog, Takeshi Kitano, Quentin Tarantino o Aki Kaurismaki. Il passo calmo e monumentale con cui percorrono distanze siderali Aleksandr Sokurov o Hou Hsiao-hsien. L’incedere saggiamente spericolato di Manoel de Oliveira e l’avanzata delle nuove generazioni che dal vecchio «Terzo mondo» determinano le tendenze del cinema futuro. Ognuno un arcipelago o un continente da scoprire. Ognuno una storia da raccontare.
50 conversazioni sullo stato del cinema, i suoi confini, i suoi sconfinamenti, la sua utopia. 50 conversazioni con chi ha fatto «il cinema» a cavallo tra due secoli e cinque continenti.

Conversazioni con

Stan Brakhage, Takeshi Kitano, Kiyoshi Kurosawa, Naomi Kawase, Alberto Grifi, Amir Naderi, Julio Bressane, Atom Egoyan, Franco Maresco, Tsai Ming-liang, Béla Tarr, Lisandro Alonso, Paulo Rocha, Jia Zhang-ke, Werner Herzog, David Lynch, Shinya Tsukamoto, Raoul Ruiz, Hou Hsiao-hsien, Tonino De Bernardi, Quentin Tarantino, Monte Hellman, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Aleksandr Sokurov, Pedro Costa, Abel Ferrara, Johnnie To, Wai Ka-fai, Manoel de Oliveira, George Romero, Amos Gitai, Otar Iosseliani, Jean-Marie Straub, Philippe Garrel, Andrej Ujica, Frederick Wiseman, Goutam Ghose, Aki Kaurismaki, Lav Diaz, Roger Corman, Kira Muratova, Mohsen Makhmalbaf, Wang Bing, Želimir Žilnik, Enrico Ghezzi.


Un assaggio

# 16 Werner Herzog

Sulla nave tra Procida e Pozzuoli, 25 settembre 2006

Herzog è ospitato da Il Vento del cinema, il festival fuorioraresco che si è tenuto a Procida per qualche anno, che gli ha tributato un omaggio all’interno di un’edizione dedicata al
«catastrionfo». Quando la sera prima gli chiediamo di incontrarlo per una conversazione ci invita a prendere con lui la nave che lo porterà a Pozzuoli per visitare alcuni siti prima di
ripartire per Los Angeles, dove vive ormai da tempo. Una conversazione in viaggio col regista viaggiatore per eccellenza. Non potevamo chiedere di più.
La situazione – è il caso di dirlo – è un allegro porto di mare: siamo insieme a un nutrito gruppo di naviganti, Federico Ercole, Lorenzo Esposito e Bruno Roberti. Il viaggio dura un’ora, Herzog ci parla nel suo inglese dall’accento teutonico.

(Lorenzo) Mentre venivo qui leggevo questo libro, Ecce Homo di Nietzsche. E la mia attenzione è caduta su una frase che dice: «Tutta la piccola miseria tedesca è una nuvola nella
quale si rispecchia una infinita fata morgana dell’avvenire». Sono rimasto abbastanza colpito… Non so se vuole commentare questa frase…
Credo che Nietzsche fosse più un poeta che un filosofo. A volte ha detto cose in un modo così conciso come solo un poeta potrebbe dirle. Di sicuro non si tratta di argomentazioni filosofiche, ma di una sensibilità nei confronti della Germania e del suo futuro. Non ho mai letto questa opera di Nietzsche… Ma è una bella sorpresa!

(Lorenzo) Qual è la sua concezione dell’umano, della condizione umana? Questo c’è molto nei suoi film: mettere a rischio o forse trovare, prima ancora dell’immagine, oppure dopo, l’essere
umano… Devi stare attento a non connettermi troppo a filosofi come Nietzsche o come Hegel, come ha fatto Boris Groys, perché non li ho mai letti; non ho molta familiarità con la filosofia. A ogni
modo, qualsiasi cosa io veda o progetti, dal mio punto di vista, nel mondo o nel futuro, è sempre una esperienza fisica. Si tratta sempre di qualcosa di esperienziale, non è mai astratta. Certamente, come tutti i pittori o gli scrittori, in particolare sono sempre stato affascinato dalla domanda attorno al modo in cui si intende la condizione umana. È la cosa più normale per un artista ricercare in questa direzione. In tutti i miei film troverai una sorta di interrogativo…

ISBN: 978-88-6548-081-6
PAGINE: 480
ANNO: 2013
COLLANA: I libri di DeriveApprodi
TEMA: Arte, Immaginari
Autori

Donatello Fumarola

Donatello Fumarola per anni ha scritto di cinema su «il manifesto», «Filmcritica» e in pubblicazioni occasionali. Dal 1999 è tra gli autori della trasmissione Tv di Rai3 Fuori Orario cose (mai) viste.

Alberto Momo

Alberto Momo, architetto sedotto dal cinema, ha fabbricato piccoli fi lm amateur presentandoli nei maggiori festival e alla tv. Altri li dedica all’architettura (Biennale di Venezia, premiato a Torino) come ai videogame (per Rai3 e Rai4). Ha insegnato al Politecnico di Torino.

RASSEGNA STAMPA

Booktrailer di un Atlante

Booktrailer del libro "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo", di Donatello Fumarola e Alberto Momo

 

[tube]http://www.youtube.com/watch?v=QLWtafOhk_A&feature=youtu.be[/tube]



Il difficile destino del cinema

Un articolo di Erik Negro a partire dal libro di Alberto Momo e Donatello Fumarola, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo"

 

Vai all'articolo


Una geografia del cinema – L'Unità

La recensione di Alberto Crespi al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per XXI secolo", con un estratto dall'intervista ad Aki Kaurismaki – da L'Unità, 11 dicembre 2013

 

Leggi in PDF


Recensione su sololibri.net

Recensione di Mario Bonanno al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo", sul portale Sololibri – da Sololibri.net, 9 dicembre 2013

 

Vai all'articolo


Libri sotto l'albero, il Venerdì di Repubblica

L'Atlante sentimentale del cinema, di Donatello Fumarola e Alberto Momo, scelto dal Venerdì per le strenne natalizie – da Il Venerdì di Repubblica, 20 dicembre 2013

 

Leggi in PDF


Donatello Fumarola a Radio Onda Rossa

Intervista a Donatello Fumarola, autore insieme ad Alberto Momo dell'"Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da Radio Onda Rossa, Visionari, 12 dicembre 2013

 

Ascolta


Recensione su cinemaitaliano.info

Sul portale Cinemaitaliano.info, recensione di Carlo Griseri al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da cinemaitaliano.info, 20 dicembre 2013

 

Vai all'articolo


Segnalazione su Prima Pagina News

Segnalazione del libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo", in occasione della sua presentazione a Roma, sul sito dell'agenzia di stampa Prima Pagina – da Prima Pagina News, 19 dicembre 2013

 

Vai all'articolo


Il libro di cui tutti avevano bisogno

Sul blog di cinema "L'emergere del possibile", recensione al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da emergeredelpossibile.blogspot.it, 29 dicembre 2013

 

Vai all'articolo


Che cos'è il cinema?

Su elle.it la recensione di Maria Tatsos al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da elle.it, 7 gennaio 2014

 

Vai all'articolo


Un Atlante sotto l'albero (Gianluca Arcopinto)

Sul blog di Gianluca Arcopinto, ospitato dal Fatto quotidiano, segnalazione dell'Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo, di Alberto Momo e Donatello Fumarola – da ilfattoquotidiano.it

 

Vai all'articolo


Segnalazione su FilmTV

Su FilmTV, segnalazione del libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da FilmTV, 10 gennaio 2014

 

Leggi in PDF 


Come i marinai del Diciannovesimo Secolo

Su Quinlan la recensione di Raffaele Meale al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da Quinlan.it, 29 dicembre 2013

 

Vai all'articolo


Voyage dans le cinéma

Su «Cinefilia Ritrovata», recensione al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da cinefiliaritrovata.it, 17 gennaio 2013

 

Vai all'articolo


Incontri con cinquanta registi contemporanei per un “Atlante Sentimentale del Cinema”

Recensione di Giulia Marras al libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo"

 

Vai all'articolo


Cos'è il cinema? È morto il cinema?

Su «Alfabeta 2», recensione di Roberto Silvestri al libro di Alberto Momo e Donatello Fumarola, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo"

 

Vai all'articolo


L' Atlante sentimentale a Radio Onda d'Urto

Su Radio Onda d'Urto, intervista ad Alberto Momo, autore insieme a Donatello Fumarola del libro "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo"

 

Ascolta (link 1)
Ascolta (link 2)


Segnalazione su Sentieri Selvaggi

Su «Sentieri selvaggi» di gennaio, segnalazione del libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da sentieriselvaggi.it, 10 febbraio 2014

 

Vai all'articolo


La Storia, le storie: l’Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo

Sulla rivista online «Lavoro Culturale», un estratto del libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da www.lavoroculturale.org, 17 febbraio 2014

 

Vai all'articolo


Donatello Fumarola e Alberto Momo @ Hollywood Party

Donatello Fumarola e Alberto Momo sono stati ospiti della trasmissione «Hollywood Party» per presentare il loro libro "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo" – da «Hollywood Party», Radio 3, 20 febbraio 2014

 

Ascolta su Rai.it

Ascolta il podcast


L'Atlante sentimentale vince il premio Limina FilmTv 2014

Il libro di Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo", è vincitore del Premio Limina FilmTv 2014 ! – Premiazione il 3 aprile 2014

La motivazione del premio: 

«Le interviste del libro ai più innovativi e coraggiosi autori che hanno “traghettato” il cinema nel XXI secolo, rappresentano una vera e propria geografia della settima arte oggi. Con una attenzione particolare alle voci estranee ai circuiti commerciali, e alle sensibilità cinefile di varie parti del mondo, gli autori si sono fatti contagiare dalle diverse idee di cinema degli interlocutori, in un miscuglio di passioni reciproche reso evidente da una scrittura che reinventa la “forma-intervista” secondo modalità inedite. Merita una menzione l’intrigante copertina».

Per il premio Film Tv hanno votato:

Chiara Bruno, Alice Cucchetti, Ilaria Feole, Mauro Gervasini, Erica Re, Giulio Sangiorgio

Leggi (1)

Leggi (2)


Intervista ad Alberto Momo e Donatello Fumarola («Nòva» – «Il Sole 24 ore»)

Sull'inserto Nòva del «Sole 24 ore», l'intervista di Mauro Garofalo a Dontello Fumarola e Alberto Momo, autori dell'Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo – da «Nòva» – «Il sole 24 ore», 11 maggio 2014

 

Vai all'articolo


Di una metafora, una politica, una idea di cinema («La furia umana»)

Su «La furia umana» la recensione di Gianluca Pulsoni al libro curato da Donatello Fumarola e Alberto Momo, "Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo"

  Vai all'articolo


STESSO TEMA