Esclusi

Necropolitica e colonialismo di insediamento

Esclusi

La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento

, ,

Esclusi
€14,40
€18,00
Lista dei desideri

Perché oggi è importante analizzare il colonialismo di insediamento?
Perché è dall’unione di un gruppo di ex insediamenti coloniali, gli Stati Uniti in primis, che si è sviluppata l’incontestata potenza egemone globale. Perché il colonialismo di insediamento, come forma specifica di dominio, definisce molti degli ordinamenti politici attuali. Come i popoli indigeni esposti all’assalto del colonialismo di insediamento, gli espulsi dalla produzione sono anch’essi marcati come inutili perché superflui. Popolazioni da liquidare: accumulazione senza riproduzione. Non solo biopolitica, ma necropolitica. Occorre comprendere a fondo questa nuova realtà, per reagire a un potere che assoggetta tutti. Ne deriva la necessità di stringere alleanze tra gli esclusi per un progetto di co-resistenza.

Il libro contiene interventi di: John Collins, Honaida Ghanim, Jamil Hilal, David Lloyd, Ilan Pappé, Lorenzo Veracini, Waziyatawin, Patrick Wolfe.


Un assaggio

«In Italia, un paese restio a fare i conti con l’esperienza coloniale del passato, e ancora meno con la sua attualità, esclusi colma un vuoto che, persino in ambito accademico, dura da molti anni. I saggi raccolti in questo volume non si limitano a introdurre il lettore italiano al campo di studi del colonialismo di insediamento, ma forniscono anche gli strumenti per cogliere la continuità fondamentale tra l’esperienza storica del colonialismo di insediamento e l’attuale fase estrattiva del capitalismo neoliberista, che consiste nell’esigenza di gestire i surplus di popolazione espulsa dall’ordinamento politico coloniale o dal circuito produttivo capitalista. Il regime neoliberista opera secondo modalità di espulsione e confinamento della popolazione economicamente superflua simili a quelle impiegate dal colonialismo di insediamento nell’espulsione e nella segregazione delle popolazioni native. L’eliminazione dei nativi nei contesti coloniali di insediamento continua oggi nella forma dell’accumulazione per espropriazione tipica del neoliberismo. Comprendere questa continuità nell’esclusione è di fondamentale importanza per affrontare efficacemente il colonialismo di insediamento dei nostri giorni».

ISBN: 9788865482001
PAGINE: 240
ANNO: 2017
COLLANA: I libri di DeriveApprodi
TEMA: Guerra e geopolitica, Razzismo
Autori

Enrico Bartolomei

Enrico Bartolomei, dottore di ricerca all'Università di Macerata, si occupa di pensiero arabo contemporaneo e di storia della Resistenza palestinese. Ha curato L'occupazione israeliana di Neve Gordon.

Diana Carminati

Diana Carminati, già docente presso l'Università di Torino, ha curato progetti nella Striscia di Gaza. È coautrice, con Alfredo Tradardi, di Boicottare Israele: una pratica non violenta.

STESSO AUTORE

STESSO TEMA