Il gesto femminista

«Materializzare la vagina, farle un doppio con le dita, fu anche un modo per esorcizzarne il problema, per liberarla e liberarci di lei in quanto schiavitù»

Claire Fontaine

Il gesto femminista

La rivolta delle donne: nel corpo, nel lavoro, nell'arte

a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna

Il gesto femminista
€17,00
€20,00
Lista dei desideri

Negli anni Settanta, migliaia di donne in Italia e in Europa sono scese in piazza per protestare accomunate dallo stesso gesto: con le mani congiunte, a formare il simbolo del sesso femminile, hanno rivendicato con forza e come mai prima di allora il diritto di vivere una sessualità libera e di riappropriarsi del loro corpo. Se la storia del femminismo si lega a una pluralità di prospettive, teorie e azioni fortemente eterogenee, il «gesto della vagina» ha rappresentato un simbolo nel quale i movimenti delle donne si sono per lo più riconosciuti, nato dal bisogno di dare visibilità e forma tangibile alla rimozione del genere femminile. Sul piano della sessualità, del lavoro e dell’immagine delle donne.
A partire dalle molte fotografie di questo gesto, che hanno contribuito a formare l’iconografia e l’immaginario estetico del femminismo, il libro ripercorre in modo trasversale alcune esperienze di un movimento che si è configurato come la sfida più radicale alla cultura patriarcale delle società capitaliste. E che ha trovato espressione nell’azione e nella pratica politica, così come nei vari linguaggi artistici, dal cinema alla letteratura, dal teatro all’arte visiva e alle pratiche performative di Body Art.
Attraverso il contributo di militanti femministe, sociologhe, antropologhe, filosofe, storiche dell’arte, fotografe e registe, appartenenti a generazioni diverse, il libro affronta la genesi e le implicazioni di quel gesto, mettendo in luce la pluralità e la complessità degli approcci femministi ai temi del corpo, del lavoro e della percezione del sé.

Testi di: Paola Agosti, Silvia Bordini, Ilaria Bussoni, Collettiva XXX, Stefania Consigliere, Laura Corradi, Anna Curcio, Agnese De Donato, Francesca Gallo, Claire Fontaine, Federica Giardini, Vanessa Martini, Alina Marazzi, Cristina Morini, Lelia Pisani, Letizia Paolozzi, Raffaella Perna


Un assaggio

Questo libro parla di un gesto. Del gesto che per tutti gli anni Settanta i collettivi e i movimenti delle donne, soprattutto in Italia ma non solo, hanno praticato ed esibito sulla scena pubblica, nei cortei, per strada, nei tribunali, nelle università, di fronte al Parlamento, nelle assemblee. Donne isolate, in gruppi sparuti e più grandi, in manifestazioni folte o ridotte. In qualunque postura del corpo, sedute, in piedi, abbracciate, correndo, sfilando, saltando, ballando. Con ogni espressione, accigliate, aggressive, minacciose, ironiche, ridendo, più di tutto ridendo. A fare questo gesto sono state donne di qualunque età, bambine, adolescenti, adulte e anche molte anziane. Vestite in qualunque modo, anche se non sempre sappiamo precisamente con quali colori. Un gesto trasversale che serpeggia tra le mani delle donne, che si fa con le mani delle donne, che sembra non ricalcare la frammentazione della ricca (e conflittuale) galassia politica dei movimenti di quegli anni. Un gesto nel quale tante tantissime donne si sono riconosciute e che sembrano aver avuto voglia di praticare. Militanti, rivoluzionarie, casalinghe, operaie, studentesse… ma in quel gesto, anche solo fatto per una volta, anche solo per un momento, femministe. Un gesto che, così come compare in una genealogia incerta, poi scompare. Un momento c’è, poi non c’è più. Sembra durare circa un decennio: i Settanta. Spunta insieme ai movimenti delle donne, alla politica delle donne, al femminismo. Insieme alla pillola anticoncezionale, ai consultori, allo speculum, al divorzio, all’aborto, ai processi per stupro, dopo le minigonne e forse insieme agli zoccoli. Va a mettersi tra uomini e donne, tra marito e moglie, tra compagno e compagna, anche tra donna e donna. All’incrocio di relazioni amorose, affettive, familiari. Di rapporti di potere, di gerarchie, di forme di subordinazione. Di rapporti di produzione e di riproduzione. Questo libro parla di un gesto, ed è dunque un ossimoro. Perché un gesto non dice, non comunica, sta fuori da un linguaggio, ma sta dentro una lingua. La lingua di un segno. Un segno che qui è metonimia, dunque una parte che sta per il tutto. Un segno che non sta per un pieno, bensì per un vuoto che pure non è mancanza. Non è un braccio alzato in un pugno chiuso, una mano puntata come una pistola e nemmeno due dita divaricate per dire della vittoria, fosse anche quella della Rivoluzione. Un gesto che ha reso visibile ciò che prima restava invisibile, che allarga uno spazio nella forma di un buco non tondo. Col gesto si apre un varco e non è subito pieno, perché non fa posto a un oggetto specifico, fa posto e basta. E quel varco, quell’apertura non saranno mai pieni e infatti c’è posto per tutto: per l’immagine e la percezione di sé, per il proprio genere e l’altro, per una continua interrogazione sul chi siamo, sull’identità e la sua costruzione, sulla soggettività e la sua «natura», sul potere in quanto soggetto, sulla soggezione di essere oggetto, sul corpo e sull’anima, sul come si nasce e come si diventa, sulle relazioni esistenti e quelle da inventare, sul piacere e sul godimento. Di certo non si può dire che quel gesto sia passato inosservato. Non agli obiettivi fotografici, come appunto dimostra questo libro. Non allo sguardo di coloro ai quali era rivolto, come dimostra il corso delle cose. Nel guardare le immagini che scorrono lungo le pagine non si può non pensare a un certo imbarazzo che deve aver colto gli spettatori diretti, e forse anche le spettatrici, di quel gesto esibito, sbattuto sotto lo sguardo altrui e spesso incorniciato dallo sguardo di chi lo ha agito. Non si può non immaginare l’urto, lo shock percettivo che lì si è ingenerato. Senz’altro un mondo è crollato. A partire da una fessura. Di questa fessura parlano gli interventi che compongono questo libro. Tra loro diversi per approccio e analisi, che in alcun modo si è voluta esaustiva, compilativa, cronologica. È un libro per immagini a partire da un’immagine, su ciò che oggi di quel gesto – non più agito – ci rimane. Ne parla chi c’era tra gli abbracci di un corteo di donne e chi stava dall’altra parte della macchina fotografica. Chi ha filmato quel movimento di mani molti anni dopo. Chi, trascorse alcune generazioni, lo ha scoperto nei libri di storia. Chi lo analizza, guardando ad «altre» donne, che nella strada verso la propria liberazione hanno messo in scena «altri» gesti. O chi lo ha ritrovato nelle pratiche delle artiste, tra gli anni Settanta e Ottanta. Chi lo riporta a un pensiero. Chi, oggi, lo osserva forse pensando «peccato non esserci state». Dev’essere stata una bella festa. Qui abbiamo provato a raccontarla, per frammenti di immagini e di narrazioni, per dire del mondo che da quella fessura si è cominciato a intravedere. Il suo bilancio e ciò che ne resta, o cosa sia diventato, sono un’altra storia. Ilaria Bussoni e Raffaella Perna

ISBN: 978-88-6548-089-2
PAGINE: 168
ANNO: 2014
COLLANA: Fotografiche
TEMA: Donne e femminismi, Sessualità
RASSEGNA STAMPA

Il triangolo ribelle («Alias»)

Su «Alias» l'anticipazione del libro curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «Alias – il manifesto», 21 giugno 2014

 

Vai all'articolo

Leggi in PDF


Quel corpo sono io (Commonware)

L'estratto del saggio di Cristina Morini, contenuto in "Il gesto femminista", a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da Commonware, 21 giugno 2014

 

Vai all'articolo


La potenza sovversiva di un gesto (Commonware)

Su Commonware, la recensione di Benedetta Pinzari al libro curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, "Il gesto femminista" – da Commonware, 21 giugno 2014

 

Vai all'articolo


Il gesto femminista su «Sololibri.net»

La recensione di Mario Bonanno a "Il gesto femminista", a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «Sololibri.net», 23 giugno 2014

 

Vai all'articolo


Un libro con le foto delle donne

Recensione di Angela Scarparo al libro "Il gesto femminista", a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – 24 giugno 2014

 

Vai all'articolo


La cinepresa delle donne («L'Unità»)

Sull'«Unità» un estratto del libro fotografico curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, “Il gesto femminista”

 

 Leggi in PDF


Quel gesto spudorato con cui le donne cambiarono la storia («La Repubblica»)

Su «Repubblica» la recensione di Simonetta Fiori al libro fotografico curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, “Il gesto femminista” – da «La Repubblica», 3 luglio 2014

 

Vai all'articolo

Leggi in PDF


Un saggio critico sul “gesto della vagina” come icona femminista («Donneuropa»)

Su «Donneuropa» un'intervista di Giorgia Serughetti a Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, curatrici de “Il gesto femminista” – da «Donneuropa», 16 luglio 2014

  Vai all'articolo

La Maya madre («Il Foglio»)

Guido Vitiello parla de “Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «Il Foglio», 16 luglio 2014

  Leggi in PDF

Chi mi consiglia... Il gesto femminista?

“Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, è il libro consigliato della settimana su «Chimiconsigliaunlibro.it» – 21 luglio 2014

  Vai all'articolo

Intervista a Raffaella Perna e Ilaria Bussoni («Fahrenheit»)

A «Fahrenheit» l'intervista di Loredana Lipperini a Raffaella Perna e Ilaria Bussoni, curatrici del volume “Il gesto femminista” – da «Fahrenheit – Radio 3»

Ascolta

Le femministe sono tornate. E vogliono cambiare il mondo («F» di Cairo Editore)

Su «F» uno speciale sullo stato del femminismo contemporaneo, a partire da “Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «F», 23 luglio 2014

  Leggi in PDF

Recensione su IAPH Italia (Associazione Internazionale delle Filosofe)

Recensione di Mara Montanaro sul sito dell'Associazione Internazionale delle Filosofe – 28 luglio 2014

  Vai all'articolo

Mani alzate a formare una vagina («Klat Magazine»)

Recensione di Anna Lagorio al libro “Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «Klat Magazine», 28 luglio 2014

  Vai all'articolo

Il femminismo, dopo («Succede oggi»)

Recensione di Angela Scarparo a “Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – da «Succede oggi», 28 luglio 2014

  Vai all'articolo

Nel segno della vagina («Micromega»)

Su Micromega online la recensione di Jamila Mascat al libro curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, "Il gesto femminista" – da «Micromega online», 2 ottobre 2014

Vai all'articolo

Femminismo, una delle tante battaglie irrisolte degli anni ’70

Una recensione al libro “Il gesto femminista”, a cura di Ilaria Bussoni e Raffaella Perna – 12 novembre 2014

  Vai all'articolo

Gesto di lotta e di piacere («Leggendaria»)

Sulla rivista «Leggendaria» la recensione di Silvia Neonato al libro curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, “Il gesto femminista” – da «Leggendaria», n. 107, novembre 2014

  Vai all'articolo  

Potenza e (in)attualità di un gesto («NarrAzioni differenti»)

Sul portale «NarrAzioni differenti» la recensione al libro curato da Ilaria Bussoni e Raffaella Perna, "Il gesto femminista"

Vai all'articolo

Laura Corradi su Il gesto femminista

Video della presentazione de "Il gesto femminista" a Roma, presso la libreria Tuba Bazar, al Pigneto.

Guarda [tube]https://www.youtube.com/watch?v=sJxCLRgURx4&feature=youtu.be[/tube]


STESSO TEMA