L’altra faccia della Germania

«Sinistre europee e neoliberismo: il caso tedesco»

L’altra faccia della Germania

Sinistra e democrazia economica nelle maglie del neoliberalismo

L'altra faccia della Germania
€11,05
€13,00
Lista dei desideri

Con i governi presieduti da Gerhard Schröder, a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio, la sinistra storica tedesca ha realizzato la stessa svolta neoliberale che oggi la Germania impone come punto di riferimento per le politiche di integrazione europea. Questo ha segnato la fine dei Socialdemocratici, decimati dagli elettori e condannati all’opposizione o in alternativa a governare in coalizione con Angela Merkel. È stato però anche l’inizio di nuovi esperimenti a sinistra, quelli che hanno portato alla nascita della Linke: una formazione capace di riscuotere un certo successo con un programma che include democrazia economica e superamento del capitalismo. Una sinistra capace di riflessioni e pratiche politiche innovative quanto al rapporto tra partiti, sindacati e movimenti.
Il volume ricostruisce queste vicende, utili a comprendere i termini dell’attuale crisi nella costruzione dell’unità europea, oltre all’involuzione neoliberale della sinistra storica. Il tutto sullo sfondo del dibattito attorno alla coalizione sociale proposta dalla Fiom in Italia, che dalla recente storia tedesca trova spunti non meno interessanti di quelli riconducibili alle vicende greca e spagnola.


Un assaggio

Nelle pagine che seguono ricostruiremo  le vicende politiche tedesche a partire dal periodo che vide la Socialdemocrazia avviarsi alla presa del potere, soffermandoci sul contesto di quelle vicende nella misura necessaria e sufficiente a sopperire alla limitatezza delle informazioni disponibili in lingua italiana. Ripercorreremo poi quanto avvenuto alla sinistra dei Socialdemocratici per effetto della loro svolta neoliberale, valorizzando ciò che si è sviluppato a partire dal dialogo tra sindacato e movimenti o società civile in genere. In conclusione, volendo contribuire al dibattito sulla coalizione sociale promossa dalla Fiom, avanzeremo alcune ipotesi su cosa appare utile prendere e cosa lasciare invece dell’esperienza tedesca. Emergerà nel merito che si tratta delle medesime caratteristiche riscontrate nelle esperienze greca e spagnola con riferimento al modo di fare politica con le persone, piuttosto che per le persone. Modo non a caso messo a punto nell’ambito della pratica sindacale, che dunque si conferma essere un motore della rinascita della sinistra, a condizione però che sappia accreditarsi come catalizzatore di partecipazione democratica.

ISBN: 978-88-6548-131-8
PAGINE: 192
ANNO: 2015
COLLANA: Fuori Fuoco
TEMA: Debito e crisi, Europa
Autore

Alessandro Somma

Alessandro Somma, già ricercatore del Max Planck Institut für Europäische Rechtsgeschichte di Francoforte sul Meno, è professore ordinario di diritto comparato nell’Università di Ferrara. È giornalista pubblicista e collaboratore di testate locali del Gruppo Espresso.
RASSEGNA STAMPA

Quella fragile diga alla marea neoliberista («il manifesto»)

Sul «manifesto» la recensione di Jacopo Rosatelli al libro "L'altra faccia della Germania", di Alessandro Somma - 8 ottobre 2015

  Vai all'articolo

La lezione tedesca per la sinistra italiana («Micromega»)

Su «Micromega» una recensione di Vladimiro Giacché al saggio di Alessandro Somma, "L'altra faccia della Germania" – 18 novembre 2015

  Vai all'articolo

Intervista ad Alessandro Somma («Radio Radicale»)

Intervista ad Alessandro Somma, autore de "L'altra faccia della Germania", a Radio Radicale – 30 novembre 2015

Vai all'intervista


STESSO AUTORE

STESSO TEMA