Lo stadio degli inganni

Il più grande scandalo urbanistico che Roma abbia mai conosciuto.

Lo stadio degli inganni

Storia della più grande speculazione edilizia della capitale

€10,20
€12,00
Lista dei desideri

Questo libro è il racconto della vicenda politica del più grande scandalo urbanistico che Roma abbia mai conosciuto: la costruzione dello stadio della Roma. Paolo Berdini, ingegnere, architetto e urbanista, si dimette nel febbraio 2017 da assessore all’urbanistica della giunta Raggi. Pochi mesi prima, la sua nomina era stata accolta con favore per l’assegnazione di un incarico pubblico a una persona stimata, con alle spalle decenni di esperienza su questioni urbanistiche. Al momento della sua nomina, Paolo Berdini aveva infatti una precisa idea di città, un’idea che tuttavia non ha coinciso con gli interessi dei potentati dei costruttori. Così, durante le trattative sullo stadio una serie di pressioni e attacchi ripetuti hanno portato alle sue dimissioni. Il libro ricostruisce le vicende che si sono susseguite di giunta in giunta, di speculazione in speculazione su un complesso di politiche urbanistiche tra le quali lo stadio della Roma è un episodio. Vicende non solo giuridiche, con il loro risvolto di accuse infamanti e arresti clamorosi, ma anche politiche segnate da un’incredibile continuità operativa tra le diverse giunte Alemanno, Marino e Raggi. Il libro è anche una proposta concreta sul progetto dello stadio e l’occasione per riproporre la centralità della cittadinanza e della sua partecipazione nello sviluppo del territorio.


ISBN: 978-88-6548-294-0
PAGINE: 168
ANNO: 2019
COLLANA: FuoriFuoco
TEMA: Beni comuni, Metropoli e spazi urbani
Autore

Paolo Berdini

è stato assessore all’urbanistica e ai lavori pubblici del Comune di Roma nella giunta Raggi da luglio 2016 a febbraio 2017. È autore con Italo Insolera di Roma moderna (Einaudi, 2011). Collaboratore de «il manifesto», ha pubblicato anche La città in vendita (Donzelli, 2008); Breve storia dell’abuso edilizio in Italia (Donzelli, 2010); Le città fallite (Donzelli, 2014).

STESSO TEMA