L’utopia possibile

«Le ragioni della grande utopia libertaria spiegate a tutti»

L’utopia possibile

Appunti libertari

€12,00
Lista dei desideri

Questo libro agile e dalla scrittura chiara ripercorre le principali vicende storiche della grande utopia libertaria: dalla Comune di Parigi del 1871 all’esperienza anarchica in Spagna dal 1936 al 1938, dai World Social Forum a Occupy Wall Street, agli Indignados della storia recente.
Una appassionata rivisitazione dei modelli di democrazia consiliare, degli spazi di dibattito assembleare e di decisione di massa dal basso, della crescita di realtà sociali solidali nella lotta contro i falsi pericoli generati dai processi migratori, contro la criminalizzazione delle Ong e dell’intellettualità critica, per la lotta contro i pochissimi che detengono la stragrande parte della ricchezza del pianeta.
A fronte della crisi progettuale della sinistra a dominanza teorica marxista, sia nella sua versione riformista che in quella antagonista e rivoluzionaria, torna in auge in ambito filosofico, politico e militante un pensiero libertario irriducibile a qualsiasi concezione di governo delle relazioni sociali basata sulla delega della rappresentanza dei propri interessi.
D’Alessandro alla fine del suo excursus storico affronta il presente sostenendo convintamente che un’altra democrazia è concretamente possibile a partire da una gestione collettiva delle risorse pubbliche; dalla fuoriuscita dalle politiche insensate di austerity; dalla riconquista di una sovranità esterna ed estranea al potente circuito corrotto e corrompente degli interessi delle banche, delle finanziarie multinazionali; per rilanciare un piano di spesa per investimenti massicci; per una convinta ripresa di programmazione di welfare.
Questo libro è rivolto a chi è impegnato alla costruzione di nuovi immaginari improntati a relazioni sociali radicalmente democratiche.


ISBN: 978-88-6548-285-8
PAGINE: 168
ANNO: 2019
COLLANA: FuoriFuoco
TEMA: -
Autore

Ruggero D'Alessandro

Ruggero D’Alessandro (Palermo, 1962), vive a Lugano (Svizzera). È docente presso l’università di Roma «la Sapienza» e Varese Insubria. Si occupa di sociologia e storia della cultura, politologia e storia contemporanea. Tiene lezioni in università di diversi paesi europei. Ha al suo attivo 17 volumi di saggistica (con traduzioni in francese e inglese alle quali collabora), tre romanzi, una cinquantina di articoli, recensioni su riviste e capitoli in volumi collettivi.

STESSO AUTORE