Questa volta il fuoco

«Un testo sull’ingiustizia e la rabbia di chi subisce»

Questa volta il fuoco

Questa volta il fuoco
€7,00
€8,26
Lista dei desideri

Un gruppo di giovani provenienti da Ancona, su un treno diretto a Roma «per la più grande manifestazione politica del dopoguerra»: di solito se ne stanno giorno e notte, su, ad Ancona, «seduti tutti a Piazza Cavour a non fare un cazzo». Ma stavolta hanno deciso di esserci, di partecipare.
Miklis, voce narrante di questo romanzo di Michele Monina, racconta lungo il percorso del viaggio i suoi compagni, le loro vite, l’amicizia che li unisce: ce li presenta con discrezione, in rapidi ritratti essenziali, mostrando di loro ciò che pensano e che dicono, ciò in cui credono e che non fanno, ciò che non sempre hanno la forza di fare.
I capitoli si susseguono l’un l’altro come le stazioni di fermata attraversate dal treno. Man mano che il treno si avvicina al termine finale della sua corsa, il quadro si compone e la tensione aumenta, fino all’epilogo volutamente annunciato: l’arrivo a Roma in un mare di bandiere rosse al vento, i cori contro Bossi, Fini e Berlusconi, la tribù degli esclusi, dei diseredati che canta, che balla, fa festa. Tutti i senza-lavoro, tutti i senza-diritti, tutti i senza-parola. Da ogni parte d’Italia.
Infine, gli scontri di piazza, la guerriglia: lanci di lacrimogeni e di molotov, colpi di manganelli nel mucchio, fuga nei vicoli come topi braccati […] il caos. Al termine della battaglia, si conteranno «quattro poliziotti in meno»: quattro poliziotti lasciati morti sull’ennesima strada bagnata di sangue. Ma la guerra – c’è da scommetterlo – non è ancora finita. Così come l’ingiustizia e la rabbia di tutti quelli che ne subiscono l’offesa.


ISBN: 88-87423-04-0
PAGINE: 120
ANNO: 2002
COLLANA: Vox
TEMA: Debito e crisi
Autore

Michele Monina

Michele Monina, nato ad Ancona nel 1969, vive e lavora a Milano. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati da varie riviste («Addictions», «Il Maltese», «Versodove», «Tina», «Tutto», «Tunnel», «ExLibris»). Dopo il libro d'esordio, la raccolta di racconti Furibonde giornate senza atti d'amore (peQuod, 1998), ha pubblicato, ancora per i tipi di peQuod, i romanzi Anima@Losanghe (2000) e I demoni (2003), quest'ultimo con Giuseppe Genna e Ferruccio Parazzoli. Per la Mondadori ha curato la traduzione di Survivor di Chuck Palahniuk e pubblicato il suo secondo romanzo, Aironfric (1999).

STESSO TEMA