Zona rossa

«Resistenze alla violenta deriva autoritaria delle forze dell’ordine»

Zona rossa

Le «quattro giornate di Napoli» contro il Global forum

Zona rossa
€8,75
€10,30
Lista dei desideri

Il «libro bianco» sulle gravi violenze perpetrate dalle forze dell’ordine nei confronti dei partecipanti (per lo più giovanissimi) alla manifestazione che si svolse il 17 marzo del 2001 a Napoli contro il «Global forum». Violenze su cui la magistratura ha indagato a lungo nei mesi successivi ai fatti, conducendo a una serie di arresti «eccellenti».
La prima parte del testo contiene la cronistoria delle «quattro giornate di Napoli», i documenti teorici e i fatti che le hanno precedute, l’agghiacciante sequela di testimonianze (una settantina, accompagnate da immagini) di chi in piazza, e poi in ospedale, e poi ancora in commissariato ha dovuto subire ingiustificabili umiliazioni e violenze fisiche e psicologiche. La seconda parte sviluppa analisi e ipotesi interpretative su presupposti e ragioni di una delle giornate più nere della nostra democrazia, che pare segnare un inquietante processo di fascistizzazione degli organi preposti alla tutela della sicurezza pubblica. A riguardo intervengono politologi, sociologi e magistrati, che invitano le stesse componenti democratiche interne alle forze dell’ordine a reagire a una possibile degenerazione autoritaria della loro funzione. Un libro scottante che denuncia soprusi inaccettabili. Un libro importante perché testimonia la volontà di resistenza a una barbarie incombente sulla nostra società.


Un assaggio

Sabato 17 marzo, a Napoli, un corteo di 30.000 persone, giunto in piazza Municipio viene fermato a ridosso della Zona Rossa, l’area invalicabile che ospita il Global Forum. Oltre 7000 agenti schierati a presidio del nulla caricano, da ogni lato della piazza, i manifestanti. Ogni via di uscita è bloccata, i pestaggi sono feroci, indiscriminati, la violenza ciecafino all’ottusità; sotto lo sguardo compiaciuto del questore di Napoli, Izzo, celerini, finanzieri e carabinieri si esercitano nel gioco brutale della forza, in una gara di sadismo e cinismo. La violenza non finisce in piazza. I manifestanti feriti giunti ai presidi ospedalieri per farsi medicare sono condotti in caserma, ancora sanguinanti. Vengono fermati e identificati anche quelli che li accompagnano. Identificazioni e perquisizioni sono il pretesto per un’ulteriore violenza. In silenzio e al chiuso, per non disturbare il pomeriggio della Napoli “perbene” impegnata nei salotti pomeridiani, la polizia sottopone i fermati a insulti, minacce, percosse, perquisizioni anali, con il preciso scopo di intimidirli. Questa volta al riparo da fotografi e televisioni gli uomini della Digos possono sfogare le loro frustrazioni
È così caduta definitivamente, sabato 17, l’immagine rassicurante del potere illuminato e democratico, che invita tre o quattro delegati del movimento al tavolo dei relatori, che si dichiara pronto al dialogo, che punisce e controlla “dolcemente” con videocamere e braccialetti elettronici. Il Re si è mostrato per quello che è, nudo, ma armato di manganello, magari elettronico… La decisione di caricare, disperdere, picchiare i manifestanti è stata una precisa scelta del questore di Napoli. Lo si capisce da come la piazza sia stata chiusa da ogni lato, da come ogni varco sia stato intenzionalmente bloccato a chi chiedeva di potersi allontanare dalla piazza. Hanno caricato tutti, senza distinzioni. Foto e filmati testimoniano di pestaggi a ragazzi inermi, che indietreggiano con le mani alzate, si vedono celerini che si accaniscono in gruppo su manifestanti feriti e sanguinanti. Negli ospedali poi, presidiati sin dal mattino dalla polizia, il sadismo delle forze dell’ordine è proseguito senza freni. Tutti coloro che giungevano per farsi medicare le ferite, compresi i loro accompagnatori, sono stati condotti in stato di fermo nelle caserme Raniero e Pastrengo. Solo in rari casi l’opposizione di medici e personale para medico è servita a evitare che la polizia conducesse via persone ancora bisognose di cure o per le quali era necessario un ricovero in osservazione. I più sono finiti nelle caserme malamente medicati e ancora sanguinanti. Quello che è accaduto poi è dolorosamente raccontato in queste testimonianze, raccolte nei giorni immediatamente successivi al 17 marzo. Emerge un altro elemento sconcertante: quello che è avvenuto nelle caserme è frutto di una razionale decisione delle forze dell’ordine di punire e intimidire in maniera ancora più brutale, se mai fosse stato necessario, chiunque avesse partecipato alla manifestazione. La logica intimidatoria è fin troppo evidente. Non siamo di fronte all’iniziativa di singoli celerini, siamo in presenza di una scelta che è maturata nei vertici della polizia, vertici che hanno dato carta bianca ai propri uomini. Bisognava colpire tutti i manifestanti perché il messaggio lanciato fosse chiaro: nessuno può essere al sicuro, chi pensa e pratica criticamente non pensi di potersi difendere dietro al fragile velo dei diritti formalmente garantiti dalla Costituzione. La violenza della polizia si esercita senza riguardi anche se a farne le spese poi magari è il figlio di qualche sottosegretario… Sul diritto penale e sulla polizia post moderna Albano e Palidda fanno delle considerazioni importanti. Leggi penali e misure di polizia costituiscono le forme storiche della repressione sociale.

ISBN: 88-87423-65-2
PAGINE: 228
ANNO: 2002
COLLANA: FuoriFuoco
TEMA: Metropoli e spazi urbani, Movimenti, Resistenza e antifascismo
Autore

Rete No Global Network campano per i diritti globali

La Rete No Global, Network campano per i diritti globali è la struttura multiforme che ha promosso e animato «le quattro giornate di Napoli». Ben lungi dall’essere un’entità effimera, è tuttora impegnata ad allargare nel sociale i temi e le ragioni del «movimento dei movimenti».

STESSO TEMA